>

Pagine

sabato 24 novembre 2012

Clamoroso: ritrovata lettera di un extraterrestre indirizzata agli italiani. Et telefono IMU.




Mi presento, sono Pinnajet, alieno di razza Alfa,
già di ritorno a casa sulla mia navicella spaziale verso il pianeta Serpo.
In occasione del progetto IOPAGO (invasione occupazione perlustrazione annuale delle galassie oltremarte) sono stato mandato dai miei superiori in avanscoperta sul pianeta Terra. Destinazione: Italia.
Da anni luce ci occupiamo di contattare forme di vita intelligenti nell’universo, ma siete risultati ultimi nella lista “pianeti conquistabili ”.
Innanzitutto, per evitare ogni problema, ho dovuto assumere le sembianze di voi umani, impresa alquanto difficile per non rischiare la membrana. Avete così tante distinzioni di razza e sesso, che non sapevo se essere omosessuale, metrosessuale, nero, bianco, di destra o di sinistra, dal momento che ai miei occhi sembrate tutti uguali, come i cinesi.
Ho posteggiato la mia navicella spaziale in una zona contornata da simpatiche strisce blu, che mi hanno tanto ricordato casa, ma credo di essermi sbagliato dal momento che qualche istante dopo mi sono ritrovato sul paracomete un foglio con su scritto “multa”.


E ciò che mi è sembrato davvero strano è che proprio accanto alla mia navicella c’era un’auto blu, anch’essa dentro i margini delle strisce, che però non riportava sul vetro lo stesso foglietto. Pensavo dipendesse dal colore della mia navicella, poi ho capito che dipendeva da un’etichetta appiccicata sul retro. Ho capito che, voi umani, per sopravvivere avete bisogno di etichette, di plastica e anche non, mi sa.

Avendo bisogno di un posto in cui abitare, per compiere le mie analisi in qualità di ispettore dell’ ARI, ho comprato una casa, ed è stato in quel momento che ho deciso di segnalare l’Italia all’agenzia di rating intergalattico, declassandola da “territorio conquistabile” a “territorio SS ” (Spazzatura Spaziale) .
Praticamente, voi comprate una cosa e non è mai vostra, visto che continuate a pagare vita natural durante una somma di denaro a quello che voi chiamate “Stato”. Ah, forse ho capito! È che: siccome” c’è stato”, ed ora non c’è più, vi ostinate a chiamarlo così. Noi per esempio lo chiamiamo “Essente”, ma voi non potete, poiché dovreste chiamarlo “Assente”.
Tuttavia questa casetta era molto confortevole; aveva pure una di quelle antiche scatole luminose che azionate da un telecomando e che trasmettono immagini e storie in sequenza. Pensate che c’era un film che mi ha fatto davvero ridere a crepamembrana, si chiamava “Alien”! L’avete mai visto? Parlava di me e dei miei simili, come se fossimo dei mostri senza ragione! Noi? E non voi, che ultimamente vi fate comandare da un umano che si chiama Monti e che non fa altro che dire “IMU”; ma non erano le mucche da voi a fare “mu”? E poi siamo noi quelli fuori dal normale!
Poi ho scoperto che l’Italia è manovrata da due tedeschi. Una che assomiglia ad un mio lontano parente della dinastia Invaders, quelli un po’ tozzi e squadrati ricordate? (Probabilmente qui l’alieno fa riferimento alla Merkel ndr) e da uno sempre vestito di bianco e ingioiellato fino al buffo cappello – a proposito è questo quello che lui intende per parabola? Quella con la quale trasmette un canale radio che prendiamo anche su Serpo?- che non fa altro che dire che l’importante è pregare e che la preghiera è più importante del posto di lavoro. Ma, toglietemi una curiosità, con la preghiera si può pagare la bolletta della luce? E soprattutto, pregando, avrei potuto pagare il superbollo per la mia navicella spaziale? L’unica cosa di cui potete rendere grazie ai vostri governanti è che vi stanno risparmiando l’invasione aliena.
Adesso devo salutarvi, sto arrivando a destinazione.
Come ultima cosa voglio citarvi Einstein, uno dei pochi degni d’esser ricordato come appartenente alla razza umana: “ solo due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima.”
Vi garantisco che ciò che era il suo dubbio, ora è certezza. Parola di Pinnajet.