>

Pagine

sabato 24 novembre 2012

Cosa hanno in comune Mario Monti e Sara Tommasi?


Per chi non lo sapesse, la Bocconi è un grande impianto industriale adibito alla trasformazione di fighetti, tamarri,discotecari e secchioni,in elementi diversamente utili alla società (fonte: Nonciclopedia).
Scherzi a parte, la Bocconi è l’università privata italiana per antonomasia. La migliore accademia dell’istruzione nazionale,punto di riferimento scientifico e centro fondamentale della cultura economico-giuridica, oltre a sfornare dottori di stirpe ignota è anche fucina di menti eccelse; tra queste: Sara Tommasi, showgirl e neo-pornodiva , e niente popò di meno che il nostro tecnicissimo premier Mario Monti.
Ebbene sì, travolti da un insolito destino , i due hanno conseguito la laurea nella celebre università milanese , entrambi col massimo dei voti. Insomma, due studenti modello. Modello Giuditta l’una, e modello F24 l’altro.

La Bocconi, prima tra le università private italiane, vanta una moltitudine di tradizioni tra cui una più nota che riguarda uno degli ingressi della vecchia sede. La leggenda metropolitana vuole che gli studenti non debbano attraversare il varco centrale ,fiancheggiato dalle statue di due leoni , perché pare porti sfortuna (all’Italia intera, considerati gli ultimi risvolti).

Molto importante per questa università, per avere una carriera studentesca e lavorativa brillante, è il merito. Dal latino meritum “cosa guadagnata”, l’università offre ai laureati più preparati e capaci i posti di lavoro più prestigiosi, assolutamente proibiti a noi comuni laureati mortali.
Non essendo a conoscenza, purtroppo, della carriera accademica dei due ex bocconiani, non c’ è dato conoscere quali siano stati i loro meriti intellettuali prima delle loro carriere da VIP. Tuttavia possiamo serenamente analizzare, data la pubblicità dei personaggi, quali meriti abbiano adesso.
Cominciamo da Sara Tommasi:
•Merito n°1: ha girato un film pornografico dal titolo surreale “la mia prima volta”.
•Merito n°2: Ha fatto la valletta per Paolo Limiti, presentatore conosciuto per la capacità di riesumare cantanti direttamente dalle catacombe.
•Merito n°3: mi ha fatto ridere per un’intera giornata: invischiata fino al midollo nel caso Ruby ruba-soldi, collegato all’allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi, ha dichiarato non solo di essere stata vittima di non ben precisati persecutori , ma anche che le sarebbe stato impiantato nel corpo un microchip -siamo sicuri che si sia trattato proprio di un microchip?- e che sarebbe stata drogata anche per fini sessuali. (Fonte:Diva e donna)
•Merito n°4 : Non pervenuto
Ora passiamo a Monti Mario, detto “l’uomo carillon”, pare che i movimenti dei suoi arti e della mandibola funzionino con la carica a chiavistello: inizia a parlare con sprint ed entusiasmo, per poi spegnersi allo scaricarsi della molla; come una di quelle bambole che muovono le braccine e la testa fin quando non hanno esaurito i giri della chiave.
Non basterebbe un decreto “fuori-legge” per elencare tutti i suoi “meriti”, pertanto mi limiterò ad enunciarne qualcuno:
•Nel 2012 , dopo la sua epifania, trentadue imprenditori si sono suicidati
•Portatore sano di iella nera, la sua presenza allo stadio di Kiev c’è costata la finale agli europei.
•Lo spread: prima di lui uno sconosciuto, dopo di lui ha sostituito l’orco mangia bambini nelle favole più famose.
•Premier per caso, ha deciso di non arrivare al 2013- non deve preoccuparsi perchè di questo passo non c’arriviamo nemmeno noi – e di godersi il vitalizio dalla poltrona di senatore. Meritato riposo, dopo il salto della poltrona, sport preferito dai migliori politici italiani.
•Per merito della sua politica stritola e ignora mezzogiorno, per la stampa estera “la Sicilia è la Grecia d’Italia”. Grazie, ma non ci serviva un ripasso, sapevamo già che mentre in USA giocavano ancora con le liane, noi nel frattempo leggevamo Platone.
•Reintroduce la tassa sulla prima casa (IMU) e aumenta dell’IVA. (A proposito lo sapete che la Bocconi è esente dall’imposta sugli immobili? ).
•Grazie a lui in Wikipedia ed. 2030 alla voce “Italia” sarà così scritto: “Italia , antica nazione europea, odierna Italiochland, attualmente commissariata dalla Germania, è in attesa di annessione definitiva all’impero Franco-Germanico”. Grazie, proprio quello che speravamo.
Come ho già detto, potrei continuare ad libitum, ma devo correre in banca a ritirare tutti i miei risparmi per trasferirli in una banca Svizzera come ha fatto qualche giorno fa lo IOR, la banca vaticana. Mi fido di Ratzinger, d’altronde ha il miglior referente-capo finanziario che si possa desiderare, l’esperto moltiplicatore di pani e pesci (Il miracolo della moltiplicazione degli interessi, ed. Paoline).
Un momento, ma io non ho risparmi?! Ho sbagliato tutto, non ho capito niente, ho sbagliato università! Dovevo partire per Milano e così tra un “boccone” e l’altro, sicuramente qualche coserellina per me l’avrei meritata! Invece di sgobbare tutto l’anno alla ricerca di un noioso posto fisso praticando l’unico sport che mi consente di risparmiare qualcosa:il salto del pasto.
Che disdetta.
Dante, lui sì che aveva capito tutto:
“Ahi serva Italia,di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!” (Purgatorio, canto VI)