>

Pagine

sabato 29 dicembre 2012

Se resuscitasse mia nonna: l'intimo ai tempi dello spread.

Ok, il femminicidio non è conseguenza degli usi e costumi femminili, esattamente come la cleropedofilia -fatemi passare il termine- non è conseguenza dei calzoncini e delle filastrocche dei bambini,però se resuscitasse mia nonna qualche cosa da ridire l'avrebbe di certo.
Questa mattina mentre ero alla ricerca  di un paio di calze 100 denari per affrontare il freddo invernale, mi sono imbattuta in uno di quei negozi d'intimo molto famosi di cui non dirò il nome per non far pubblicità: Goldenpoint.
Prima d'entrare, buttando uno sguardo alla vetrina, mi accorgo che il manichino ha una specie di rete  di quella che serve per affumicare formaggi tipo Auricchio (foto 1).
Faccio spallucce, era "solo" un reggiseno, sorrido ed entro nella boutique ignara di ciò che avrei visto dopo...  
Nel frattempo pensavo a cosa mi avrebbe detto mia nonna se l'avesse visto pure lei. Innanzi tutto mi avrebbe chiesto col suo tono da SS: "ma cos'è? Un negozio di carnevale? O sono cose per la cucina?"; poi le avrei spiegato e sicuramente mi avrebbe ammonita con un "tappati gli occhi che in questo negozio per postriboli non ci entriamo".
Io che pensavo d'aver visto tutto, al momento del pagamento, vicino alla cassa, noto un grazioso sacchettino con dentro un affare di plastica che assomiglia ad un archetto, tanto che per me era un cerchietto per capelli, ma non mi spiegavo il perché vendessero un accessorio simile in quel negozio.
Come sempre, scesa dalle nuvole direttamente con l'ascensore, chiedo alla commessa: "scusi, una curiosità, ma che è?"
La commessa , che non ha il coraggio di guardarmi negli occhi, mi risponde: "un perizoma".
Un perizoma in pura plastica per vestiti particolari. Una comodità da non perdere. Va bene che c'è la crisi, ma per risparmiare  non si farebbe prima ad andar senza mutande?




Ovviamente non vi verrà difficile immaginare la mia faccia, però posso dirvi con quasi certezza cosa mi avrebbe detto mia nonna:

"Ma la parte di dietro, dov'è che si infila?"