venerdì 15 novembre 2013

Eutanasia a domicilio.Come far morire qualcuno in agonia tra storia e superstizione

"Togli quelle forbici che hai poggiato sul letto", mi dice mia madre.
"Mamma, dai, ora le tolgo"
"Ti ho detto di toglierle perchè non si fa"
"Smettila con la superstizione tanto non ci credo a queste cose"
"Fai come vuoi, le forbici si mettono sul letto di chi è in agonia per farlo morire prima"
"MAMMMAAAAAAAAAA"

Ok. Ora le forbici sono sul tavolo.
Mi racconta che nelle tradizioni horror siciliane, di cui lei è un'esperta conoscitrice, si usava mettere un paio di forbici sotto il cuscino di chi fosse sul punto di morte, in agonia per l'appunto, per acceleragli la dipartita.
Insomma, roba da raccontarla ai bambini prima di andare a dormire.
Mi ha fatto venire in mente una cosa che avevo letto tempo fa su un' usanza della Sardegna.
In sostanza quando una persona stava per morire e tardava, e quindi i parenti già s'erano stufati di pregare le litanie intorno al capezzale del defunto prossimo, chiamavano la così detta "Femmina accabradora" (letteralmente : colei che finisce), una sorta di eutanasia a domicilio.


Si trattava di una donna che uccideva persone anziane che non doveva essere retribuita dai parenti dell'anziano poiché il pagare per dare la morte era contrario ai dettami religiosi e della superstizione.

Le pratiche di uccisione utilizzate dalla femmina accabadora erano diverse: si dice che entrasse nella stanza del morente vestita di nero e con il volto coperto, e che lo uccidesse tramite soffocamento con un cuscino, oppure colpendolo sulla fronte tramite un bastone d'olivo (su mazzolu) o dietro la nuca con un colpo secco, o ancora strangolandolo ponendo il collo tra le sue gambe. Lo strumento più utilizzato, del quale si trovano ancor oggi dei reperti, consisteva in una sorta di martello di legno ottenuto da un ramo. Altri parlano anche di un piccolo giogo in miniatura. Gli venivano tolti poi dalla stanza tutte le suppellettili sacre appartenenti al de cuius così da favorirgli il distacco dell'anima. Non stupisce, in oltre, che a rivestire questo ruolo erano vedove o zitelle acide senza pietà.

Sono tradizioni di origine ellenica che nelle forme meno cruente si sono sviluppata sotto forma di coro funebre tra pianti e lamenti di quelle che noi in Sicilia conosciamo come prefiche, le donne che a pagamento piangevano al corteo funebre. Più prefiche c'erano, più il morto era stimato.
Insomma,  la Grecia ci ha lasciato anche questo in eredità, anche il buttare da una rupe storpi e  anziani.



Un ultima cosa dell'Accabadora: il suo, non era considerato il gesto di un'assassina ma era visto dalla comunità come un gesto amorevole e pietoso di chi aiuta il destino a compiersi. Il suo atto è la fine benevola di una vita diventata troppo sofferente; lei è considerata l'ultima madre. Tutto chiaro? Quasi quasi rivaluto la Franzoni.