>

Pagine

mercoledì 10 dicembre 2014

Loris, ecco il complice della madre

Parliamoci chiaro, adesso si scopre che tutti , tra conoscenti e parenti, sapevano che la madre di Loris era una psicolabile.
La madre della presunta assassina afferma di non sentirla né vederla da anni per via del suo comportamento violento e scontroso; racconta ai media ,addirittura, che in adolescenza facendo a botte con una ragazza le ruppe le costole mandandola all'ospedale.
A 15 anni Veronica tenta il suicidio e state certi che a Santa Croce Camerina, posto in cui tutti sanno anche quante volte ha scorreggiato il parroco, lo sapevano tutti, anche i topi dei tombini.

I psicologi dell'ASL sono intervenuti tempestivamente- peccato che c'era già scappato il morto in tutto l'italian style- nella scuola che frequentava il piccolo Loris, per capire le reazioni dei piccoli compagni e comprendere attraverso i loro disegni la personalità del piccolo assassinato. Gli assistenti sociali, infatti, hanno chiesto ai bambini di disegnare Loris nei momenti di quotidianità. Utile, come quando chiami i carabinieri dopo che ti hanno svaligiato l'appartamento. Ha fatto più danni la psicoterapia che la peste.

I giornalisti poi, nella loro opera magnanima di coadiuvamento  dell'autorità giudiziaria, sembrano i promoter commerciali della FASCETTE SPA, trasformando la cronaca nera, che più nera non si può, in un reality show di scarsa qualità. Esperto in studio: l'elettricista.
Ci sobillano per ore con supposizioni e valutazioni per poi ricordarci il "principio d'innocenza", principio cardine del nostro Ordinamento che funziona a discrezione del direttore del giornale, in base alle querele, agli ammonimenti ricevuti e i ricavi previsti per la tiratura.

Adesso, ditemi  chi è il reo.








sabato 6 dicembre 2014

La Sicilia che lavora.

L'unico settore che va avanti è la svendita immobiliare.
A questo punto,  le Agenzie del Lavoro, soprattutto in Sicilia, dovrebbero essere gestite dalle pompe funebri.

giovedì 4 dicembre 2014

"L'amore ti piega", il primo e ultimo libro di Francesca Cipriani

 E pure quando qualche settimana fa l'ho incontrata sul Frecciarossa che da Milano porta a Firenze ho quasi avuto un moto di pietà quando il passeggero titolare del posto a sedere, che la Cipriani occupava abusivamente, l'ha sfrattata come un ufficiale giudiziario.
Leopardata fino al midollo e con una scollatura che pareva una minigonna, mi ha fatto quasi tenerezza quando si lamentava lungo i corridoi di essere stata trattata come una qualsiasi.
Vieni qui Francesca, fatti abbracciare, ho pensato.
Poi scopro che ha intenzione di scrivere il suo primo libro, di cui però ancora non sono noti i contenuti-se mai ci saranno- e il mio moto di tenerezza si trasforma in voglia di compiere un delitto.
E' brava a far parlare di sè, soprattutto se lo scopo è quello di dimostrare al mondo, come se gliene fregasse qualcosa al mondo, che Lei non è una tutta PVC e shatush, ma che ha anche un cervello (nella borsetta, quello del suo bassotto).
Il titolo lo ha già rivelato su twitter ed è eloquente: "L'amore ti piega".
Certo, Francesca, a te sicuro ti piega. A 90°. E non parlo di candeggio.



martedì 2 dicembre 2014

Kamasutra per principianti parte I

Il Kamasutra, letteralmente "aforismi sull'amore", è un antico testo indiano sul comportamento sessuale umano, che non parla solo di come contorcersi sul tappeto orientale, ma parla soprattutto di relazioni tra uomini e donne. Con vostro sommo rammarico solo il 20% del manuale è dedicato al tetris.
Il libro quinto, ad esempio, è dedicato alle donne e si intitola "dei diversi generi di donne". E' intuitivo come non si passeggi nei meandri delle pari opportunità, sembra quasi un prototutorial di men's health.
Dunque secondo il kama sutra, le donne si dividono in quattro categorie: ragazze, donne due volte maritate,le cortigiane e le donne occasionali.
L'Homo Erectus quindi può serenamente sbizzarrirsi con le prime tre categorie come se non ci fosse un domani e deve guardarsi bene solo  dall' ultima. Occorre quindi drizzare le antenne, ho detto antenne, e giacere con loro ,appunto, "occasionalmente" ovvero solo quando si può affermare:

1)"Questa donna s'offre volontariamente ed è già stata di molti altri" ovvero si tratta della zoccola del quartiere, non si infrange nessuna regola, l'inferno può attendere.

2) "Questa donna è due volte maritata ed altri prima di me l'hanno avuta. Nessuno m'impedisce di averla anch'io", si tratta del caso di colei che avendo avuto esperienze pregresse non dovrebbe far problemi. Un po' come lanciare un salame nel corridoio.

3) "Questa donna mi otterrà i favori di suo marito..." che è il suo nemico, per cui si tratta di una fase del tutorial di "guarda come ti frego la moglie e ti rendo cornuto così impari"

4) "Legandomi con questa donna, potrò uccidere suo marito e metter così le mani sulle sue immense ricchezze, da me tanto desiderate". Penalmente rilevante, questo si commenta da sè. Tuttavia bisogna stare attenti alla posizione fiscale del marito. Oggi, con la crisi, è meglio consultare prima le anagrafe tributarie.

5) "L'unione con questa donna mi procurerà una grande fortuna di cui ho bisogno, vista la mia povertà che è tale che non riesco a provvedere a me stesso". In sostanza sposate una ricca, anche se racchia non importa, controllate il suo contocorrente o la sua posizione pensionistica e tutto andrà liscio come l'olio.

6) "Questa donna mi ama ardentemente e conosce le mie debolezze. Se rifiuto di unirmi con lei divulgherà in pubblico i miei difetti, mettendomi in cattiva luce e danneggiando la mia reputazione". Pericolosissima, soprattutto se l'uomo appartiene alla categorie delle palme nane o in passato si è distinto alle Olimpiadi nella categoria del salto della quaglia.

7)"Il marito di questa donna ha violato la castità delle mie mogli; mi vendicherò dunque seducendo le sue". Approccio per vendetta, tu mi hai reso cornuto,  io ti faccio rinascere un cervo a primavera che non passi nemmeno sotto l'arco di trionfo.

8)" La donna che io amo è sotto il dominio di quest'altra donna. Per mezzo di questa potrò farmi accogliere bene dalla prima." Questa, forse è la tecnica più nota: abborda la racchia per arrivare a quella figa. Su questo ci sono manuali interi su men's health, a cui vi rinvio.

In realtà manca ancora qualche indicazione, ma questo è sufficiente per farvi un' idea di come il manuale che ha dato i natali a gran parte dei film porno mondiali, sia in realtà un bluff.

Però cari uomini, nell'ipotesi in cui vi troviate in accordo con il manuale sanscrito, non vi resta che buttarvi.
Dal sesto piano.