>

Pagine

giovedì 29 gennaio 2015

Arrestato il marito di Elena Ceste. Finalmente.

Arresto fresco di giornata, quello di Michele Buoninconti
alias Armando Diaz.
I carabinieri hanno aspettato che i figli non fossero in casa per prelevarlo  e portarlo in carcere. Il buon pompiere è accusato di omicidio premeditato e occultamento di cadavere.

Secondo l'esame autoptico, come annunciato dal comandante dei carabinieri, Elena sarebbe deceduta per morte violenta nella sua abitazione, probabilmente soffocata.
Quindi niente allontanamento volontario, niente crisi mistica, nessun amante dentro l'armadio, solo qualche scappatella in cantiere tra un biberon e la lavatrice.

Fortunatamente, a Michele, la procura non  ha mai creduto. E nemmeno noi.
Quando un mese fa fu ritrovato il corpo della donna, a Isola D'Asti dentro un canale di scolo, l'uxoricida ha dichiarato con aria mesta alla stampa: "ora vorrei solo poterla seppellire".
Adesso, caro Michele, vorremo solo seppellire te. In galera. 
Anche se, in fin dei conti, un po' di tenerezza la fai.