>

Pagine

giovedì 31 agosto 2017

Stupro? Se la donna si bagna, le piace


Nell'Anno Domini 1781, quando ero ancora studentessa all'università di Giurisprudenza a Palermo, c'era la possibilità di aggiungere due materie "a scelta" nel proprio piano di studi, visto che già 32 esami non bastavano. Inserii gli insegnamenti di criminologia e antropologia criminale (più medicina legale delle assicurazioni). Allora ero una giovine ricca di speranza e ideali, non avevo ancora maturato il senso di disgusto e rassegnazione nei confronti dell'umanità. Le lezioni di antropologia criminale erano tenute da un collaboratore dell' illustre professor Taldeitali, medico legale che già allora aveva 106 anni. Godeva nel mostrarci le diapositive delle sedute autoptiche effettuate da lui.
L'assistente, che per comodità chiamerò dott.Facocero, era un ricercatore sulla quarantina e sul centinaio di chili.
Il dott. Facocero ebbe il compito di tenere le lezioni sulle devianze sessuali. Chiaramente il corollario immediato dell'argomento fu: la violenza sulle donne e gli aspetti psicologici relativi all' imputabilità e al consenso della vittima.
Dopo una premessa generale sull'identikit del violentatore-tipo e tutta una serie di considerazioni alla Salvo Sottile, affermò:
"Perchè la donna, è stato scientificamente dimostrato da autorevole dottrina, ci sono dati alla mano, per quanto riguarda il consenso... che se c'è lubrificazione vaginale, allora non può considerarsi reato, perchè la donna se si oppone non si lubrifica e quindi non può esserci atto sessuale. Nè quindi può parlarsi di stupro, nè di imputabilità perché vuol dire che prova godimento e quindi acconsente".
Nel frattempo i miei colleghi prendevano appunti come deliziosi scolaretti da libro Cuore. Mi girai verso la classe sperando di incrociare lo sguardo di qualcuno, per sentire il conforto di un "ma l'hai sentita 'sta colossale minchiata?". Valutai che gran parte dell'aula era abitata da maschietti. Mi salì il sangue alla testa e mi si gonfiò la vena temporale. Educatamente alzai la mano per fare un intervento, richiamandomi a tutta la calma rimasta: "Scusi, dottor Facocero, credo di non aver capito bene. Ma le posso garantire che la lubrificazione, in quel caso,  è una questione meccanica, non si può in base ad un fatto fisiologico... un po' come la lacrimazione. Mi spiego: se io ora le infilo un dito nell'occhio, lei lacrima, ma non credo sia d'accordo e le piaccia. Non la trova un po' azzardata come teoria?“
Mi invitò ad abbandonare l'aula dopo un monologo manieristico alla quoque tu putrida matricola.

Uscì dall'aula in silenzio. La sessione successiva ripiegai su Diritto Agrario.
A quel punto preferii specializzarmi in mezzadria e usucapione di sciami d'api.